Scrivo questo nuovo articolo per fornire la mia esperienza con i gruppi di pattinaggio cittadini che frequento e/o ho avuto modo di seguire negli ultimi anni. Per gruppi di pattinaggio intendo ritrovi spontanei di persone di tutte le età che senza vincoli, pattinano in città su strade e piste ciclabili dove disponibili.

Creare un gruppo di pattinatori non è un compito facile.

Essere in una grande città non sempre aiuta, non è automatico che un gruppo cresca spontaneo, c’è bisogno di dedizione, idee chiare e organizzazione. I gruppi di pattinaggio cittadini ci sono dagli anni 80/90 così come li conosciamo oggi, vedi Pattinatori del Pincio, Gruppo Pattinatori Milano e più recentemente Milanoskating così per citare quelli che frequento personalmente ma poi ce ne sono tanti sparsi per l’italia che hanno grande seguito.

Come dicevo la grande città universitaria è si avvantaggiata ma per essere in tanti bisogna saperci fare e bisogna saper comunicare. Oggi abbiamo degli strumenti di comunicazione eccezionali per raggiungere questo scopo e bisogna utilizzarli tutti. Non servono tante persone come a Roma e Milano, il gruppo può essere anche di una decina di teste, se la compagnia è buona ci si diverte ugualmente.

Quando ho cominciato a pattinare ci vedevamo senza appuntamenti senza eventi e senza troppe formalità… oggi  i social network vengono in aiuto facilitando le cose. Per esperienza c’è da tenere presente che quelli che mettono mi piace ad una pagina o vengono aggiunti al gruppo molto probabilmente non verranno mai a pattinare, questo dato quindi non è rilevante, conosco gruppi Facebook con 1000 iscritti che hanno partecipazioni settimanali di 5, 10 teste. Detto questo comunque i gruppi Facebook sono insostituibili per organizzarsi.

Bisognerebbe anche indagare su quello che ci circonda, non che non si possa creare un nuovo gruppo, ma se ce ne fosse uno in un centro vicino probabilmente sarebbe il caso di far crescere quello o comunque creare sinergie per la crescita comune. Contrapporsi non è mai una buona idea.

Vediamo adesso cosa bisogna fare per creare un gruppo e la sua identità nel mondo reale e nella rete!

1) Nome del Gruppo

Spesso si utilizza il nome del luogo xxx con l’aggiunta di Skate, Skating, o Pattinatori di xxx o Gruppo Pattinatori xxx, oppure qualunque nome possa rappresentare una piccola comunità senza mettere personalismi e senza fini commerciali a tutti i costi, questo a lungo andare deteriorerà il gruppo.

2) Luogo di incontro

Deve essere il quartier generale fisso, punto di ritrovo per allenarsi con i conetti e punto di partenza per giri diurni e notturni nei dintorni. Ovviamente deve essere un luogo dove non si dia fastidio a nessuno, una piazzetta uno slargo su un lungomare, il viale di un parco, una pista di pattinaggio pubblica in un giardino, ecc. ecc. possibilmente illuminato per vedersi anche di sera e liscio per non avere problemi con i pattini e come suggerito dal mio amico Francesco che abbia un parcheggio comodo magari gratuito in orari serali. La scelta del luogo è fondamentale, sceglietela con cura rispettando tutti!

3) Il Rito… giorno della settimana e orari dell’incontro

Un gruppo appena nato deve avere un giorno fisso a settimana per pattinare, in modo da creare un rito, un giorno in cui si sa che la sera dalle 21.00 alle 24.00 si fa quello e ci si vede anche senza appuntamento. Quando non si è d’accordo con una data infrasettimanale, la cosa migliore è farla di domenica dalle 11.00 in poi o nel pomeriggio. Quando si lascia al caso questo punto, il gruppo avrà vita breve e si disgregherà.

4) Come restare in contatto e far crescere il gruppo?

Porto l’esempio di Milanoskating, nel 2011 non esisteva, nel 2012 grazie alle capacità del fondatore è diventato uno dei gruppi di pattinaggio più conosciuti d’italia. In un solo anno grazie ai social è cresciuto esponenzialmente. Ok mi direte Milano è una grande città universitaria… come ho già ripetuto prima non è automatico ed in questo  il fondatore ha giocato un ruolo fondamentale.

5) Facebook: Pagina o Gruppo?

Abbiamo il nome, abbiamo il luogo, abbiamo una data, cosa creiamo, una Pagina Facebook o un Gruppo Facebook? La risposta è tutti e due, la pagina è più indicata per creare eventi ma il gruppo è più indicato per interagire e comunicare tra membri. Se dovessi scegliere quale è più importante direi il gruppo, ma ad un certo punto vi renderete conto che serve anche la pagina.

Detto ciò creiamo la pagina e il gruppo Facebook e completiamo tutti i dati con le informazioni. Riuniamo tutte le persone che potrebbero essere interessate e non invitando tutta la rubrica, potremmo ricevere delle adesioni non interessate, semmai comunichiamo la notizia invitando le persone ad iscriversi al gruppo così si avrà una panoramica realistica.

Informiamo anche su dove i membri possono procurarsi i pattini, negozi fisici nelle vicinanze e negozi online semmai facendo accordi. Informare le persone sul tipo di pattini da utilizzare. ecc. ecc.

6) Sito internet

Facebook sembra aver fagocitato tutto ma un sito internet chiaro con le informazioni salienti: Nome, presentazione, date, orari e luogo fa sempre la differenza. Infatti sembra che ci siano ancora persone che non sono iscritte a Facebook e il sito è importante per informarli.

7) Pubblicità offline

E’ una buona idea quella di fare pubblicità offline, con locandine nelle scuole, nei bar e nei punti di ritrovo invitando le persone a presentarsi. E’ anche una buona idea comunicare ai giornali locali la creazione del gruppo cercando semmai interviste ovviamente dopo che le attività si sono avviate. E’ importante avere una base di persone ampia in modo che ci sia sempre un buon numero di pattinatori partecipanti.

8) Gestione del gruppo

Anche se sostanzialmente liberi, i gruppi di pattinaggio devono pur avere un referente che si presta più degli altri ad esempio pubblicando settimanalmente gli eventi e organizzando gite fuori porta per stringere amicizie con altri gruppi più o meno lontani. Si sa, apparire è tutto, e i gruppi che funzionano bene hanno chi fa foto di gruppo che poi posta in Facebook, chi pubblica gli eventi e tiene vivo il gruppo e chi fa Video delle pattinate. Vedere nella realtà quello che si fa con foto e video attira altri pattinatori e così via.

9) Logo del gruppo

La realizzazione di un logo identificativo è molto importante. Come per tutte le attività, il Logo serve ad identificare ed a creare unità in un gruppo di persone. Da grafico posso suggerire alcune linee guida per non avere problemi. Un logo deve essere semplice, versatile, con pochi colori (uno o due), meglio al tratto cioè senza sfumature,  che possa essere utilizzato su fondo bianco ma anche in negativo su fondo scuro, di forma non troppo allungata, meglio stare all’interno di un quadrato ma ancora meglio in un cerchio viste le tendenze dei social. Un logo che segue queste linee guida potrà essere declinato su qualunque supporto e quindi anche sulle maglie stampate in serigrafia o stampa digitale.

10) Cosa fanno gli altri gruppi?

Partendo da zero è buona norma vedere cosa succede nei gruppi già esistenti e come sono organizzati. Siccome non è molto facile farsi una idea così rapidamente vi suggerisco di leggere le mie tre recensioni dei gruppi che conosco molto bene: RomaMilano e Napoli  Troverete tutte le date, gli eventi e riuscirete a capire se da voi sarebbe possibile ricreare una situazione del genere, mi raccomando non scoraggiatevi. Non si tratta di copiare ma di prendere spunto 😉

Presenza a livello nazionale

Questo è un elenco dei gruppi di pattinaggio cittadini sparsi per l’italia, per entrare a farci parte, una volta fatte tutte le cose descritte su, contattare su facebook Davide Roveran che cura l’inserimento.

Seguendo questi suggerimenti sarai sulla buona strada per formare un bel gruppo di pattinaggio cittadino!

Condividi se ti sono stato utile e informami contattandomi se hai deciso di fondare un nuovo gruppo di Pattinaggio.

Come creare e far crescere un gruppo di pattinaggio cittadino in 10 punti

Supporto il pattinaggio quad in strada con video e guide. Realizzo pattini quad artigianali con ruote da strada di mia progettazione e realizzazione. Contattami

Leggi anche questi articoli:

Related Post

Iscriviti al canale YouTube
RollerQuad.it by Giovanni Simiani

GRAZIE! <3